News

Colloquia Patavina: Quandoque bonus dormìtat eulerus

ARGOMENTI: Convegni

Martedi' 11 Dicembre 2007 alle ore 16:00 in aula 1A/150 della Torre Archimede il Professor Benedetto Scimemi dell'Universita' di Padova terra' una conferenza della serie
Colloquia Patavina dal titolo "Quandoque bonus dormìtat eulerus".

La Commissione Colloquia
M. A. Garuti, M. Pavon, M. Pitteri, F. Rossi

-Titolo
Quandoque bonus dormìtat eulerus

-Conferenziere
Benedetto Scimemi

Martedi' 11 Dicembre 2007, ore 16:00
Aula: 1A/150, Torre Archimede

-Riassunto
Sul finire dell'anno centenario di Leonhard Euler (1707-1783) rivisiteremo un suo lavoro minore di geometria elementare, "Solutio facilis problematum quorundam geometricorum difficillimorum" (S.Pietroburgo, 1765), che inauguro' la "moderna geometria del triangolo", popolarissima nell'800, poi relegata... nelle soffitte e recuperata solo recentemente, con l'aiuto del calcolatore.
Nella prima parte di questo lavoro nasce, in modo abbastanza imprevedibile, la famosa retta di Eulero, che oggi si sente nominare fino dalle scuole inferiori. Nella seconda parte del lavoro al grande Eulero sfugge un errore di calcolo, ed e' questo - probabilmente - che gli impedisce di ottenere
un altro elegante risultato, dimostrato solo 200 anni piu' tardi, di cui parleremo. Uno dei problemi "difficilissimi" che Eulero risolve e' la determinazione del triangolo a partire dai suoi punti notevoli. Ne metteremo in evidenza l'analogia con quello della risoluzione delle equazioni
algebriche per radicali e, piu' in generale, con l'individuazione di una base di invarianti per le similitudini. Vedremo anche qualche esempio di che cosa puo' fare, euristicamente, il software CABRI per la geometria euclidea.

-Breve curriculum
Laureato in Fisica nel 1960, dal 1976 e' professore nella Facolta' di Scienze di Padova, prima sulla cattedra di Algebra, poi di Matematiche complementari.
Le sue pubblicazioni scientifiche riguardano per lo piu' la Teoria dei gruppi.
Ha avuto incarichi organizzativi nazionali, nel CNR e nell'U.M.I., curando in particolare il settore didattico, come presidente della Commissione per l'Insegnamento della Matematica, di quella per le Olimpiadi matematiche e dell'attuale Progetto Lauree Scientifiche per il Veneto.
Il suo insegnamento universitario si e' specialmente rivolto alla formazione degli insegnanti: nei corsi di Matematica classica da' rilievo al contesto storico e - per le tesi di laurea dell'indirizzo didattico - ha predisposto un progetto di ricerca su temi tradizionali di Algebra e Geometria, per incoraggiare i futuri docenti ad affrontare i programmi scolastici usando concetti, metodi e tecnologie piu' moderni.

Rif. int. F. Rossi

Download Colloquia Patavina