LA SCELTA DELLE BANCHE DATI
PER I SERVIZI DI BIBLIOTECA

Il servizio di reference si fonda essenzialmente su un sistema che integri in modo ottimizzato le risorse disponibili e soprattutto che sia fornito di un buon apparato di consultazione, dunque una buona collezione di materiale su supporto digitale è uno dei pilastri fondamentali per la costruzione di un sistema/servizio di reference funzionale.

Ogni biblioteca quindi ha un suo apparato di consultazione dove le banche dati o basi di dati fanno da strumento principe.

Le banche dati però possono esistere all'interno della biblioteca come patrimonio consultabile nello stesso modo di qualsiasi monografia o periodico.

La natura e proporzioni della collezione di database da acquisire sono in relazione alla peculiarità, al carattere ed alla dimensione della biblioteca stessa e non per ultimo alle risorse finanziarie a disposizione.

Vanno quindi analizzate a priori alcune caratteristiche relative a fattori, non tanto intrinseci alla base dati in sé, ma all'ambiente dove la banca dati va ad inserirsi.

I fattori da valutare sono quindi prima di tutto quelli legati alla biblioteca e ai sui servizi, quindi alla sua utenza:

Questi fattori possono essere raggruppati in quattro filoni:
 


La scelta dei database da mettere a disposizione all'utenza, ma anche da utilizzare per lavoro interno, come strumento per i bibliotecari, rispecchierà ciò che è la biblioteca stessa, quindi una buona scelta renderà un buon servizio di informazione bibliografica, ma anche risulterà essere di supporto al lavoro quotidiano del bibliotecario.

Nella scelta dei database il bibliotecario deve valutare le caratteristiche intrinseche e l'utilità in rapporto agli obiettivi del servizio in generale.
La forma e i modi di un database sono numerosi e a prima vista ci si può facilmente confondere, bisogna però saper individuare e scegliere all'interno di una effettiva ma attenta valutazione.

Il tradizionale Indice di Katz applicato alle bibliografie, ci dice in cinque punti chiave quali sono i criteri base da prendere in considerazione, validi anche per l'acquisto di database:


Scendendo più in dettaglio e in rapporto ad una scelta ben più complessa rispetto al materiale cartaceo, prima di acquistare delle fonti di informazione digitale, i criteri da prendere in considerazione risultano essere più numerosi.
I target che scaturiscono da questi 5 criteri base,  sono una ventina di punti fondamentali che permettono di analizzare in modo più analitico lo strumento nel suo complesso:

REPERTORI di BANCHE DATI

Per una rassegna sulle fonti informative elettroniche:
ESB Forum: Recensioni e contributi su cd-rom e altre fonti informative elettroniche / a cura di Riccardo Ridi
<http://www.burioni.it/forum/index.htm>


Next
Index

a cura di Antonella De Robbio, 27 gennaio 1999