nastro nero
Università degli Studi di Padova

Presentazione

Il Dipartimento di Matematica prende il nome da Tullio Levi-Civita, che nei primi decenni del Novecento fu dapprima studente di matematica e poi professore presso l’Universita di Padova. Ne fanno parte attualmente circa 120 persone, tra professori e ricercatori, una cinquantina di studenti di dottorato e più di 30 postdoc. Ospita inoltre numerosi professori visitatori da tutto il mondo.

Il dipartimento è uno dei piu importanti in Italia nell’ambito matematico e informatico e riunisce nella stessa comunità e nello stesso edificio persone che sono attive in quasi tutte le aree di ricerca di queste discipline. Il Dipartimento di Matematica si propone come il riferimento fondamentale nell’Università di Padova per le competenze matematiche, sia sul piano della ricerca che su quello della didattica. Ne fanno parte integrante gli informatici, che sono il riferimento nella Scuola di Scienze per le competenze informatiche di ricerca e didattica.

Il dipartimento organizza i corsi di laurea triennale e magistrale in Matematica ed in Informatica, ed una laurea magistrale in Data Science, che danno la possibilità di un assorbimento molto rapido nel mondo del lavoro ai circa 1500 studenti attualmente iscritti. Aderisce inoltre al consorzio internazionale ALGANT. I docenti sono anche impegnati nei numerosissimi corsi di servizio di matematica della Scuola di Scienze e della Scuola di Ingegneria, nonché di Agraria e Medicina Veterinaria, Economia e Scienze Politiche, Medicina e Chirurgia, Scienze Umane Sociali e del Patrimonio Culturale, e nei corsi di servizio di informatica della Scuola di Scienze.

Il dipartimento promuove un’intensa attività di scambio internazionale, sia di studenti che di ricercatori, e ospita e organizza numerosi convegni internazionali. È inoltre attivo nello sviluppo e implementazione di metodi innovativi di insegnamento: è stato tra i primi dipartimenti in Italia ad investire sui MOOC sia in italiano che in inglese. Promuove infine contatti con partner industriali, la formazione permanente degli insegnanti e la divulgazione scientifica.

Tullio Levi-Civita

Il 21 Novembre 2016 il Dipartimento di Matematica è stato intitolato al matematico Tullio Levi-Civita (Padova, 29 marzo 1873 – Roma, 29 dicembre 1941). Tullio Levi-Civita, che fu studente e (1897-1919) professore presso il nostro Ateneo, è un nome di cui i matematici padovani sono fieri, come lo sono per quello di Galileo Galilei. Nella primavera del 1915, a pochi mesi dalla pubblicazione della Relatività Generale, Levi-Civita si accorse di un errore che ne avrebbe minato la validità e scrisse ad Einstein per segnalarglielo. Einstein, dopo una iniziale riluttanza, riconobbe la correttezza delle obiezioni del padovano, a cui rimase grato per tutta la vita (“spaghetti and Levi-Civita” fu la risposta data da Einstein a un cronista che gli chiedeva cosa amasse di più dell’Italia). Levi-Civita si occupò di molti altri argomenti: la teoria del Trasporto Parallelo, che porta il suo nome, risulterà l’elemento fondante della moderna teoria delle Connessioni; oltre alla geometria della Relatività Generale, si occupò dalla stabilità delle orbite dei pianeti fino alla matematica dei cavi intercontinentali del telegrafo.

Le leggi di “difesa della razza” del 1938 lo allontanarono definitivamente dall’università e da tutte le istituzioni scientifiche italiane, mentre nel mondo libero se ne celebrava la grandezza.